Dermatite da pannolino: come contrastare questo sfogo?

Uno dei problemi più diffusi nel primo periodo di vita di un neonato è quello dei problemi sulla cute coperta dal panno.

Il 50% dei bambini circa soffre di arrossamenti da pannolino e il restante 50% ne ha sofferto almeno una volta. Questo infatti è uno dei problemi più diffusi in assoluto nei bambini che utilizzano il panno. La pelle dei neonati è delicatissima, uno strato sottile che lo protegge dal mondo esterno, e va protetta il più possibile. Ma se non si può ovviare in alcun modo all’utilizzo del panno, allora come curare irritazione da pannolino? Esistono dei rimedi sicuri per combatterla, vediamoli.

Come curare la dermatite da pannolino?

All’esterno si presenta come un arrossamento da pannolino, ma non è da sottovalutare, perché la dermatite provoca prurito e fastidio nel neonato. Si manifesta sulla zona genitale e sui glutei, e può essere anche dovuta alla presenza di un fungo o sfociare in una candida. Per questo non va mai sottovalutata.

Dermatite da pannolino: quanto dura?

Questo arrossamento non ha un tempo prestabilito: può ripresentarsi durante tutto l’arco di tempo in cui il bambino usa il pannolino. Scomparire per un periodo e riapparire dopo poco. Per questo è necessario proteggere e risanare subito la pelle.

Dermatite da pannolino crema: quale usare?

Per combattere questo fastidioso problema che tormenta la pelle del vostro bambino ci sono numerose creme o paste protettive all’ossido di zinco. Soprattutto nella fase iniziale, in cui ancora i sintomi sono lievi è indicato utilizzare rimedi più delicati: creme all’ossido di zinco, eliminazione totale dell’uso di salviette, acqua termale, creme a base di Pantenolo. Nei casi invece in cui si reiteri la dermatite o si acutizzi, è meglio vertere su rimedi “più forti”.

Dermatite da pannolino: gentalyn beta per curarla?

Gentalyn beta è un antibatterico ad effetto rapido, con proprietà antibiotico e cortisone, è indicato nei casi in cui la dermatite si sia acutizzata e non va utilizzato per lunghi periodi.

Dermatite da pannolino canesten, quando utilizzarla ?

Anche questa è una crema da utilizzare nei casi in cui la dermatite non sparisca né con una crema protettiva all’ossido di zinco, né con l’olio eva. Questa crema contiene un potente antimicotico: il clotrimazolo, che penetra nella cute e la ripara.

Eritema da pannolino olio vea per la protezione?

L’olio vea è particolarmente indicato per proteggere il bambino dalla futura comparsa di micosi e arrossamenti, grazie alla sua proprietà antinfiammatoria. L’olio permette il risanamento della cute e con la sua azione preventiva, impedisce immediatamente il formarsi di irritazioni sulla cute.

Come riconoscere candida da pannolino?

Questa micosi da pannolino è insidiosa e molto diffusa (1 bambino su 3 ne soffre). Talvolta viene confusa con una dermatite da pannolino che non passa, perché si presenta come un’irritazione della pelle. Nel caso di candida però l’arrossamento cutaneo è molto forte, tale da generare macchie rosse sulla pelle del neonato o pustole rosa o rosse con un punto bianco al centro.

 

Per una diagnosi bisogna rivolgersi al pediatra, che prescriverà una pomata antimicotica in aggiunta a una dieta particolarmente indicata in questi casi.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi