Massaggia Gengive per neonati: primi denti senza fastidi!

I primi denti dei neonati sono un momento emozionante per i genitori, ma possono anche causare alcuni fastidi per il piccolo. È normale pensare che quando il nostro bambino diventi più irritabile e insofferente del solito sia perché a dargli fastidio siano i suoi primi dentini, ma c’è da dire che non esiste una specifica età in cui un bambino debba a tutti i costi superare questa fase.

La salivazione abbondante, le gengive doloranti, nervosismo e difficoltà a prendere sonno sono i sintomi più affidabili che possono venire in nostro aiuto. Il bambino, durante questo periodo importante della sua vita (che tuttavia si prolungherà fino ai suoi due anni e mezzo), tenta da solo di porre rimedio ai suoi fastidi, ed è per questo che molto spesso potremmo trovarlo con le manine in bocca.

Lo sfregamento meccanico sembrerebbe per loro la cura migliore, ma mentre le loro manine possono a volte essere fonte di germi e batteri, il massaggia gengive – un piccolo giocattolo o accessorio apposito creato per le diverse esigenze dei nostri bambini – può davvero aiutarci in questa delicata fase, in completa sicurezza. Vediamo qui di seguito le sue principali caratteristiche, il suo utilizzo, la sua sterilizzazione e la sua conservazione più ottimale.

Come scegliere il massaggia gengive più adatto al mio bambino?

Materiali

Il massaggia gengive può essere fatto di diversi materiali, ognuno capace di rispondere ad esigenze diverse dei nostri bambini. Un massaggia gengive fatto di gomma (o materiali simili come plastica e silicone), ad esempio, risulta resistente ad eventuali morsi, ma anche ad un’accurata sterilizzazione. Per quanto riguarda i massaggia gengive in plastica si presti attenzione alla completa assenza di sostanze tossiche e BPA (“Bisfenolo A”, sostanza chimica). Un massaggia gengive fatto invece di legno, oltre ad essere completamente biologico, presenta la capacità di far sviluppare l’olfatto del bambino, e di non far proliferare eventuali batteri.

Tipologia

il massaggiagengive può essere normale e refrigerato, differente per la presenza di acqua o gel al suo interno che raffreddato può donare sollievo anche per diverse ore.

Impugnatura, grandezze e diversi design

E’ chiaro che per i nostri bambini vorremmo sempre oggetti garantiti e sicuri, ed è per questo che un massaggia gengive non vale l’altro in ogni caso. Ne esistono diversi in base all’età del nostro bambino, ma anche alla sensibilità delle sue gengive, per non parlare della sua impugnatura e grandezza. Più piccolo sarà il nostro bambino più sarà grande la sua impugnatura, talvolta ricreata a forma di anello per essere più afferrabile. Più sarà grande il nostro bambino, più il suo massaggia gengive sarà colorato, dalle forme divertenti e con diverse texture, mentre l’impugnatura non sarà più ad anello perché sarà aumentata la consapevolezza del nostro bambino e avrà imparato al meglio come utilizzarlo.

Pulizia e sterilizzazione

Preannunciando che è essenziale leggere con attenzione le caratteristiche di ogni massaggia gengive e comprendere per questo il miglior metodo di pulizia e sterilizzazione, si può dire, generalizzando, che un massaggia gengive può essere sterilizzato se non refrigerante (altrimenti deteriorerà il materiale) e che, in generale, un’ottima pulizia può essere fatta con dell’acqua tiepida e bicarbonato.

Tuttavia, leggendo le informative di ogni oggetto, ci saranno anche quelli disposti ad essere lavati in lavastoviglie o con determinati saponi.

Come massaggiare le gengive a un neonato?

Per massaggiare le gengive del neonato, è sufficiente inserire il massaggia gengive nella bocca del bambino e utilizzarlo delicatamente per massaggiare le gengive. Il bambino potrà farlo in completa autonomia in base alla sua età e al massaggia gengive più adatto alle sue esigenze, ma è raccomandata sempre la supervisione di un adulto.

 

Dove si conserva meglio il massaggiagengive, in frigorifero o in freezer?

Il massaggiagengive non deve essere conservato in frigorifero o in freezer, e per quelli refrigerati il tempi di permanenza in frigorifero è ridotto giusto al tempo di raffreddamento per l’utilizzo del bambino. In generale, è sufficiente conservarlo in un luogo asciutto e pulito, come ad esempio in un cassetto o in una scatola.

Evitare di conservarlo in ambienti umidi o in luoghi dove potrebbe essere esposto a batteri o germi, in modo da garantire la massima igiene per il tuo bambino.

Inoltre, evitare di conservarlo in luoghi dove può essere esposto a temperature estreme, poiché questo può danneggiare il materiale del massaggiagengive rendendolo meno efficace o addirittura inutilizzabile.

 

Il massaggia gengive refrigerato è una soluzione universale?

Se per noi adulti le diverse terapie per dolori o infiammazioni non sono mai uguali, non lo sarà nemmeno per i nostri piccoli. Il massaggia gengive freddo non ha nulla in più di un massaggia gengive normale, se non per il rilascio di freschezza. C’è da dire che non tutti i bambini sono predisposti a sopportarlo, quindi i primi a dover sperimentare cos’è meglio per loro sono proprio i più piccoli. Quanto più semplice, può essere la scelta di comprarne uno in silicone, che ben o male rimane il più delicato di tutti. In seguito sarà anche il nostro pediatra a darci consigli più adatti nel tempo.

Dove posso trovare i massaggiagengive?

I massaggia gengive possono essere trovati sia in farmacia, nei negozi specializzati come le catene di prodotti per bambini ma anche nei siti e-commerce che trattano prodotti per neonati e affini.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi