Passeggino superleggero: la soluzione all’ingombro del trio

Il passeggino è di sicuro l’accessorio per trasportare i nostri bambini più usato dalla nascita e nella crescita dei nostri piccoli.

Essenziale all’inizio subito dopo la nascita è il trio(classicamente formato da navicella, culla e passeggino), e l’oggetto più usato dei tre è sicuramente il passeggino perché ci permette di spostarci per una passeggiata mantenendo il bimbo in perfetto comfort.

E’ anche vero che, per esperienza mia, il trio risulta spesso anzi sempre un accessorio in cui la praticità non è sicuramente la qualità migliore.

Comfort, protezione, resistenza, versatilità sicuramente sì. Ma l’ingombro e la media praticità di movimento è il punto dolente di questo accessorio cruciale in una grossa fase della vita di genitori e figli.

Questo ci porta ad una riflessione importante, il prossimo step dopo l’acquisto e l’uso del trio, è esattamente la sua evoluzione naturale per la passeggiata, il passeggino superleggero. La panacea di tutti i mali, pratico, facilmente richiudibile, poco ingombrante, e nonostante questa elevata praticità ci sono dei modelli che garantiscono un comfort eccellente, una copertura e protezione del bambino importante, e sono la somma di ricerca e sviluppo tecnologico in fatto di trasporto bambini.

Basicamente si tende a pensare che il fatto di optare per un passeggino ultraleggero sia un abbassamento della qualità della comodità del bambino.

Già l’ho scritto sopra, ci sono aziende specializzate nel segmento dei passeggini superleggeri, che dedicano la loro ricerca e il loro sviluppo nella scelta dei materiali che spesso rasentano l’efficacia usata nella realizzazione di velivoli leggeri di alta ingegneria, e anche automobili che vengono usate nelle competizioni come la formula 1.

 

Molti genitori scelgono di mantenere le due possibilità, un passeggino(che magari può essere la parte del trio originariamente scelto alla nascita) con più accessori, e poi affiancare un passeggino superleggero, pratico, light, richiudibile con una mano, che solleva la mamma nella passeggiata di tutti i giorni quando si ha a che fare con la città, le superfici accidentate e le barriere architettoniche che si presentano.

Il passeggino superleggero è la soluzione alla scomodità di genitori che ad esempio viaggiano molto, si spostano in auto, in aereo, e spesso hanno bisogno di un accessorio che occupi poco spazio e si possa alzare da terra senza mettere a repentaglio la schiena e a rischio ernia. Spesso ci si trova a dover trasportare il passeggino anche con il bimbo in braccio, perché non sempre vuole stare seduto, e anzi si ha la necessità di doverlo fare, ed avere un accessorio ultraleggero da portarci è assolutamente fondamentale per risparmiare la fatica che già si fa con il notro piccolo al seguito. Ovviamente l’equilibrio è scegliere un passeggino leggero che permetta di mantenere alto lo standard di comfort e protezione.

Anche quando si effettuano gite all’aperto sostituire il passeggino ingombrante con un accessorio ultraleggero è molto comodo, e affidarsi ai brand che da anni studiano scrupolosamente questo settore è sicuramente l’opzione migliore per noi ed i nostri figli.

E’ importante il fattore telaio, e la struttura delle ruote quando dobbiamo scegliere un buon passeggino leggero. Un telaio comodo da spostare, leggero ma resistente, e comfortevole. Le ruote devono essere grandi, ma non inficiare sul peso totale ed essere versatili per le superfici di tutti i tipi, dall’asfalto, alla sabbia, ai terreni più accidentati.

Le ruote sono un particolare non indifferente, dato che l’agilità e la maneggevolezza sono dei fattori fondamentali quando si parla di un passeggino superleggero.

Anche la resistenza e il materiale che compone la cappotta protettiva, che nel caso dei passeggini di scarsa qualità sono veramente pessime. La cappottina è importante perché protegge e deve essere resistente agli agenti atmosferici.

Le cappotte di molti passeggini ultraleggeri di ultima generazione sono complete e proteggono la seduta totalmente.

Alcuni modelli hanno delle finestrelle sui lati che permettono di osservare il piccolo all’interno del passeggino, inoltre alcune permettono il passaggio dell’aria in caso di chiusura totale.

E’ importante anche una maniglia, che in genere è presente sulla chiusura del passeggino. Molti in effetti si piegano tirando su proprio la maniglia.

Io preferisco i passeggini che si chiudono con una mano sola, anche se in molti casi anche i più esperti indicano che la chiusura “monomano” non sia un fattore fondamentale, ma secondo me i modelli che coniugano la maneggevolezza, la leggerezza, il poco ingombro con la chiusura ad una mano hanno una marcia in più.

All’interno di Bimbosicuro stiamo facendo una selezione dei passeggini superleggeri più apprezzati dagli utenti, e delle marche più prestigiose ed esperte in questo segmento.

Per ora ne abbiamo inseriti alcuni, ma sono sempre in continua ricerca ed aggiornamento in base alle recensioni e ai test che effettuiamo e che vengono segnalati.

Quali Sono i passeggini più leggeri?

  1. Foppapedretti Più Leggero 3,6 Kg.
  2. Baciuzzi BX 4,0 Kg.
  3. Bebe Confort Laika 2 4,2 Kg.
  4. Recaro EasyLife 5,7 Kg.
  5. BabyZen YoYo 5,8 Kg.
  6. Cosatto Woosh 6,0 Kg.
  7. Bebe Confort Lara 6,0 Kg.
  8. Bebe Confort Andora 6,8 Kg.

Passeggino Ultra Leggero: La Selezione di BimboSicuro

Baciuzzi BX

Cosatto Woosh

Foppapedretti Più Leggero

Recaro Easylife *

*miglior rapporto qualità prezzo!

Superleggeri: Cosa Sapere? Domande e Risposte

Quando si può passare al passeggino leggero?

Si consiglia di sostituire il Trio con il passeggino superleggero a partire dai 6 mesi di età del piccolo, ma esistono dei sistemi Trio che comprendono un Passeggino Leggero, che si adatta alle dimensioni ridotte del bambino nella prima fase con appositi adattatori. In questo caso fungono da carrozzina fin dalla nascita.

Come si chiude un passeggino leggero?

I modi di chiudere un passeggino ultraleggero sono due:

  • Chiusura ad ombrello, nel caso di modelli a maniglia doppia;
  • Chiusura a libretto nei modelli a maniglia unica, che risulta maggiormente compatto e ridotto una volta chiuso. Risulta più pratica questa opzione anche in caso di viaggio in aereo, dove è possibile riporre il passeggino chiuso nella cappelliera

 

Quali sono i vantaggi di un passeggino leggero?

In genere viene consigliato se ci si sposta in città utilizzando i mezzi pubblici, o attraverso l’auto. Questo dipende dalla compattezza dell’ingombro, che lo rende maggiormente adatto anche a bagagliai ridotti. In alcuni casi è possibile portare alcuni passeggini di dimensioni ridotte come bagaglio a mano anche se si viaggia in aereo.

Quindi riassumendo, compattezza, leggerezza, facilità di trasporto, praticità e maneggevolezza.

 

Quali sono gli svantaggi di un passeggino leggero?

Viene sconsigliato a chi vive in zone poco accessibili, non di città(campagna, montagna) e in cui i percorsi sono accidentati, sconnessi e mal collegati.

In caso di queste caratteristiche ambientali, i materiali leggeri come l’alluminio non sono adatti. Anche se ci sono delle case specializzate in ultraleggeri che hanno ovviato con modelli “intermedi” leggeri ma resistenti.

I difetti principali di un passeggino superleggero sono la scarsa adattabilità a terreni fuoristrada, minore comodità per il piccolo nella seduta, sospensioni non sempre presenti.